Mercoledì, 19 Maggio 2021
Cronaca

Addio al professor Marco: "Studiare con lui era un continuo arricchimento"

Trovato morto in una roggia

Marco Papotti (foto da Facebook di Darko C. Rubica)

Rivarolo Canavese piange Marco Papotti, il cui corpo è stato trovato nel pomeriggio di lunedì 21 settembre 2020 nella roggia di strada Sant'Anna. Aveva 78 anni ed era conosciuto come persona di grande cultura. Per tanti anni era stato insegnante di italiano e latino prima all'istituto Moro e poi alla scuola del Canavese, dove aveva ricoperto anche il ruolo di preside del liceo linguistico. Per più di due decenni, inoltre, era stato responsabile dei corsi dell'Unitre di Cuorgné. Era il papà di Franco, avvocato noto in tutto il torinese e in passato consigliere provinciale.

I ricordi di chi lo ha conosciuto

"Lavorai con Marco Papotti per otto anni, alla Scuola del Canavese, a Rivarolo - racconta un collega su Facebook -. Era difficile parlare con lui, così impenetrabile dietro a quegli occhiali dalla montatura austera. Comunicava con brevi frasi, sicure e lapidarie. Era molto timido, persino con me, che allora ero un novellino, privo di esperienza didattica. Lo percepivo estremamente colto, e ammiravo la sua modestia. Ricordo un giorno in cui alzai la voce in una classe e lui, sapendo che avevo passato il concorso e me ne sarei andato nella scuola statale, mi richiamò ad un atteggiamento più moderato, facendomi sentire, sinceramente, quel che ero, un ridicolo spocchioso supplente che si doveva ridimensionare. Un'epifania... Non l'ho mai dimenticato. E non ho mai dimenticato la sua integrità. Addio, preside...".

"Un peccato - aggiunge un'ex allieva - averlo potuto, ai tempi, apprezzare come ottimo insegnante e solo dopo, in un secondo tempo, come persona".

"In quegli anni - aggiunge un'altra ex studentessa - io ero allieva di entrambi alla scuola di Canavese dove il professor Papotti era appunto anche preside. Lo ricordo con grande piacere nella sua timidezza ma nel contempo nel suo estremo sapere... Studiare arte con lui era un continuo arricchimento e ricordo ancora tutti i miei fitti appunti sul testo di Argan. Un saluto e un buon viaggio caro preside".

"Sono stato per 10 anni - dice un suo amico - segretario nell'unitre diretta da Papotti e ho apprezzato tanto la sua cultura quanto lo sforzo per offrire sempre conferenze di alta qualità, uno sforzo non sempre compreso dagli iscritti!".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio al professor Marco: "Studiare con lui era un continuo arricchimento"

TorinoToday è in caricamento