Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Uomo disperso nei boschi: il suo cadavere trovato nel fiume dopo un giorno

Incidente o suicidio?

Le operazioni di recupero che hanno portato al ritrovamento del corpo

Un operaio italiano di 61 anni di Lanzo Torinese è stato trovato morto nelle acque del fiume Stura in corrispondenza del Ponte del Diavolo, non distante da casa sua, nella mattinata di oggi, venerdì 5 giugno 2020. Era disperso da ieri sera nei boschi della zona dalla mattinata di ieri, giovedì 4. Indossava un impermeabile nero-blu e calzoncini corti. L'ipotesi più accreditata è quella del suicidio, anche se non si esclude che possa avere avuto un incidente. L'uomo era sposato e aveva due figli.

Lo stavano cercando i vigili del fuoco, i sanitari del 118, il soccorso alpino e la protezione civile. Le ricerche erano iniziate nella serata di ieri ed erano state interrotte poco prima di mezzanotte. Sono riprese all'alba di stamattina. Impiegate anche unità cinofile. Il ritrovamento è stato effettuato dai sommozzatori dei vigili del fuoco impegnati nella perlustrazione delle sponde del corso d'acqua.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomo disperso nei boschi: il suo cadavere trovato nel fiume dopo un giorno

TorinoToday è in caricamento