Cronaca

Muore d'infarto sul Frecciarossa ma il treno non si ferma

L'episodio risale a giovedì. Presentata al Ministero dei Trasporti un'interrogazione per fare luce sulla vicenda. Merlo (Pd): "Presidio medico obbligatorio sui treni a lunga percorrenza"

Un' interrogazione urgente è stata presentata al Ministero dei Trasporti sulla morte, avvenuta giovedì scorso per infarto, di un passeggero sul Frecciarossa Torino-Roma. A inoltrarla il deputato del Pd, Giorgio Merlo: "Perché - chiede - non si è mai discussa la mia proposta di legge sul presidio medico obbligatorio sui treni a lunga percorrenza?".

La drammatica vicenda, accaduta quando il treno aveva da poco superato la stazione di Torino porta Susa, "ripropone - osserva il parlamentare - il tema della garanzia e della tutela della salute sui mezzi di trasporto a lunga percorrenza. Ho immediatamente scritto un'interrogazione urgente al Ministro dei Trasporti per conoscere la reale dinamica dei fatti e accertare le eventuali responsabilità".


"Ma non posso non ricordare - aggiunge - che la mia proposta di legge, sottoscritta anche da altri deputati alcuni mesi fa, di prevedere un presidio sanitario obbligatorio sui treni a lunga percorrenza, a cominciare proprio dai Frecciarossa, non è stata ancora iscritta all'ordine del giorno. Si tratta, nello specifico, di una precisa responsabilità politica della Commissione Trasporti". (ANSA)

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore d'infarto sul Frecciarossa ma il treno non si ferma

TorinoToday è in caricamento