Precipitato in montagna a Chialamberto, aperta inchiesta per omicidio colposo

Morte di Alessandro Tibone, la procura procede contro ignoti. Si era rotta una fune

Perché, il pomeriggio di domenica 24 luglio, è morto Alessandro Tibone?

E' la domanda a cui cercheranno di rispondere i magistrati della procura di Ivrea, che hanno aperto un fascolo per omicidio colposo contro ignoti sul decesso del 23enne studente-alpinista di Lanzo Torinese, precipitato nel vuoto per 40 metri sulle alture di Chialamberto.

E' stata disposta anche una perizia sulla fune usata dal giovane durante la discesa, che si è spezzata provocando la caduta ed è ora sotto sequestro.

L'incidente era avvenuto sulla parete del Biollé. Tibone era precipitato quando si trovava a un'altitudine di 1.400 metri sotto gli occhi di un amico che aveva dato l'allarme. L'impatto col suolo gli era stato fatale.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento