menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Precipitato in montagna a Chialamberto, aperta inchiesta per omicidio colposo

Morte di Alessandro Tibone, la procura procede contro ignoti. Si era rotta una fune

Perché, il pomeriggio di domenica 24 luglio, è morto Alessandro Tibone?

E' la domanda a cui cercheranno di rispondere i magistrati della procura di Ivrea, che hanno aperto un fascolo per omicidio colposo contro ignoti sul decesso del 23enne studente-alpinista di Lanzo Torinese, precipitato nel vuoto per 40 metri sulle alture di Chialamberto.

E' stata disposta anche una perizia sulla fune usata dal giovane durante la discesa, che si è spezzata provocando la caduta ed è ora sotto sequestro.

L'incidente era avvenuto sulla parete del Biollé. Tibone era precipitato quando si trovava a un'altitudine di 1.400 metri sotto gli occhi di un amico che aveva dato l'allarme. L'impatto col suolo gli era stato fatale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento