Operaio precipita in fondo al pozzo in giardino, tragedia a Piobesi

Voleva riparare il guasto di una pompa ma, per motivi ora al vaglio della Procura di Torino, è precipitato nel pozzo. La vittima è Giorgio Grandis, un operaio di 53 anni. Lascia una moglie e una figlia

Un operaio di 53 anni, Giorgio Gradis, è morto nella serata di ieri in via Castelletto 21 a Piobesi Torinese. L'uomo voleva riparare il guasto di una pompa, ma nel tentativo di farlo è precipitato dentro un pozzo d'acqua che serviva per l'irrigazione del giardino vicino alla sua abitazione. Un volo di cinque metri che non gli ha lasciato scampo.

A dare l'allarme sono stati i familiari del cinquantatreenne, dopo aver notato che l'uomo era fuori da molto tempo e dopo aver visto la scala appoggiata al muretto del pozzo. Gli animi si sono da subito agitati e la preoccupazione si è trasformata in dramma poco dopo. Sul posto sono interventi i vigili del fuoco, i carabinieri e il 118, ma al loro arrivo per l'uomo era mai troppo tardi.

Giorgio Grandis è stato tirato fuori da pozzo ormai privo di vita. Su cosa lo abbia ucciso e sulla esatta dinamica la Procura di Torino ha già aperto un'inchiesta. Sono diverse le ipotesi al vaglio: l'operaio potrebbe essere morto in seguito alla caduta, potrebbe essere stato colto da un malore improvviso e precipitato nel pozzo o, ancora, potrebbe essere annegato nel metro d'acqua e fango in fondo al pozzo stesso.

Giorgio Grandis lascia una moglie e una figlia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

Torna su
TorinoToday è in caricamento