Il mondo dello sport piange Fulvio, ucciso dal coronavirus. Il ricordo dei suoi 'bighelloni'

Attivo in calcio, ciclismo e palestre

Fulvio Rigallo in occasione della festa per i suoi 80 anni

Il mondo dello sport torinese piange Fulvio Rigallo, morto a 82 anni la notte di mercoledì 1 aprile 2020 a causa del coronavirus. Ha lavorato fino all'ultimo giorno in cui ha potuto come istruttore nella palestra Master Club, che ora lo piange e ha sospeso ogni attività sul suo profilo Facebook.

Rigallo però era noto anche nel mondo del calcio e del ciclismo amatoriale. Aveva giocato nelle squadre giovanili del Bacigalupo e del Torino (squadra di cui è sempre rimasto un grande tifoso), per poi passare al Messina e al Cesena. Poi aveva fatto l'allenatore e il preparatore, in particolare ancora nella squadra del Bacigalupo. Sulle due ruote aveva partecipato alle granfondo più note, tra cui la Maratona delle Dolomiti e la Nove Colli. Esperto di ginnastica, aveva aiutato molte persone a rimettersi in piedi e a tornare in attività dopo gli infortuni.

"È mancato solo purtroppo - dice Ren Palmiero, uno dei suoi tanti allievi, che lui chiamava affettuosamente 'bighelloni' - e non potremo accompagnarlo nel suo ultimo viaggio come avrebbe meritato e questo è ancora più doloroso per tutti noi che lo abbiamo amato perché ha insegnato una vera cultura sportiva a tutti. Ci ha fatto fare cose che non avremmo mai pensato di essere capaci. Grazie ciao Fulvio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Fulvio Rigallo - ricorda Franco Vood - è stato per noi giovani calciatori del Bacigalupo un esempio per la grinta e la correttezza dentro e fuori dal campo di gioco. Personalmente ho avuto il privilegio di giocare da giovanissimo in prima squadra con Fulvio che giocava davanti a me, nell'attuale sconsacrato ruolo di libero, dandomi una sicurezza incredibile. In seguito abbiamo collaborato come allenatori del Baci di Raviola e Francone (io allenavo la prima squadra e lui la juniores) e ci siamo ritrovati molti anni al Master Club (ex Fioccardo) io come scarso giocatore di tennis e lui inarrivabile istruttore di ginnastica. R.I.P. caro Fulvio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Blocchi auto per 37 comuni dal 1 ottobre 2020: varato il regolamento

  • La porta di casa è bloccata e la proprietaria non può entrare: la polizia trova un uomo che dorme all'interno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento