Addio a Ezio, il medico che ha cresciuto due generazioni di cittadini. E che fece anche il sindaco

Sospetto coronavirus

Ezio Ollino, morto a 83 anni per sospetto coronavirus

Ci sono almeno due generazioni di santenesi che sono cresciute anche grazie alle cure del dottor Ezio Ollino, il pediatra e medico di famiglia della cittadina specializzato anche come allergologo, morto lunedì 13 aprile 2020 all'ospedale di Chieri verosimilmente a causa del coronavirus. Aveva 83 anni.

"Non era dottore qualunque - scrive su Facebook uno dei suoi tanti ex pazienti -, prima di tutto era un uomo, un uomo d’altri tempi, intelligente, no! Molto di più! Avanti per l’epoca che ha vissuto, sapeva, era preparato, è stato il mio dottore, anche il vostro... È stato il dottore di tanti bambini, tantissimi... La sua voce, quella che ricordo da bambino, bassa e potente, quando parlava l’ambulatorio rimbombava. Quando diceva a mia mamma: 'Signora suo figlio è sano come un pesce'".

Originario dell'Astigiano, Ollino era anche conosciuto per il suo impegno politico: è stato sindaco di Santena (dove si era trasferito per amore della moglie Margherita Scamuzzi) per due riprese, prima tra il 1975 al 1980 e ppi, dopo un anno di pausa, ancora dal 1981 al 1982.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lascia due figli, Ferdinando, conosciuto per il suo impegno nel mondo del volley, e Dina, che ne ha ereditato la passione politica (è stata assessore al bilancio nella penultima giunta di Santena). Lascia anche sei nipoti, tre maschi e tre femmine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento