Cronaca

Torino, malato di coronavirus rimandato a casa dall'ospedale, muore due giorni dopo

Aperta un'inchiesta

La terapia semi-intensiva dell'ospedale Mauriziano

La procura di Torino sta indagando sulla morte di un 46enne romeno morto di coronavirus lo scorso 1 novembre 2020 all'ospedale Mauriziano. L'uomo era un paziente definito a rischio in quanto in cura nello stesso ospedale per una patologia immunologica. Ad avere aperto il fascicolo è il pm Francesco La Rosa.

Quando si è presentato in ospedale, il 30 ottobre, sapeva già di essere positivo al virus. Aveva un senso di malessere, fatica e dolori muscolari ma non aveva febbre né tosse. È stato però rimandato a casa con l'invito a contattare il medico di base e ad assumere paracetamolo per contenere i sintomi. Il giorno dopo, la sera di sabato 31, era tornato in ospedale con mal di stomaco e nausea. La mattina dell'1, dopo la notte passata in pronto soccorso, erano stati rilevati gravi problemi di saturazione. Le sue condizioni sono precipitate finché alle 17,40 ne è stato dichiarato il decesso.

I parenti dell'uomo si sono affidati all'avvocato Stefano Fernando Mimmo, che ha presentato l'esposto in procura dopo la sua morte. Secondo l'ospedale "non era possibile prevedere un peggioramento così rapido".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, malato di coronavirus rimandato a casa dall'ospedale, muore due giorni dopo

TorinoToday è in caricamento