menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

 Addio al papà del Cri Cri, la pralina delle feste nata per amore

L’attività dell’azienda prosegue grazie ai suoi figli

È deceduto a fine gennaio a 88 anni Sebastiano Garofalo, colui che rilanciò i Cri Cri divenuti uno dei simboli di Torino. I dolci, anzi le praline, "croccanti nocciole tostate ricoperte di buon cioccolato extra fondente si sposano con piccolissime palline di zucchero", come recita la descrizione sul sito dell'azienda. Nel secondo dopoguerra Sebastiano Garofalo e la moglie scelsero proprio i confetti ICAF per festeggiare il loro matrimonio, se ne innamorarono e decisero di acquistare l’intera attività e di rinnovare in parte la produttività.

Pare che da un’altra storia d’amore nacquero pure i Cri Cri originali: merito di Cristina, una (leggendaria?) ragazza torinese di fine Ottocento a cui il fidanzato comprava praline come pegno d'amore. Oggi la storia dei Cri Cri continua a Torino (esposizione e vendita in corso Moncalieri, 204; produzione in via Cerrione, 12) grazie ai figli di Sebastiano Garofalo. I funerali del fondatore dell'azienda ICAF si terranno martedì 4 febbraio alle 9.45 alla parrocchia Pilonetto.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento