Cronaca Via Borgo D'Ale, 3

Ecatombe nella casa di riposo a Borgomasino: 17 ospiti morti (su 42) nelle ultime due settimane

Aperta un'inchiesta

La casa di riposo Opera Pia Divina Provvidenza di Borgomasino

Diciassette anziani morti in poco più di due settimane, sui 42 che sono ospitati nella struttura. È il pesante bilancio del coronavirus nella casa di riposo Opera Pia Divina Provvidenza di via Borgo d'Ale a Borgomasino, che ha portato i parenti a sporgere denuncia alla locale stazione dei carabinieri.

I militari del nucleo antisofisticazione sanità (Nas) si sono poi recati nella struttura per acquisire una serie di documenti e la procura di Ivrea ha aperto un fascicolo al momento per atti relativi all'accaduto, senza ipotesi di reato né indagati.

Il primo decesso, di una degente, era avvenuto il 17 novembre 2020. L'anziana, ultranovantenne come la quasi totalità delle persone morte, era risultata positiva al test rapido per diagnosticare la patologia. I tamponi hanno poi evidenziato la positività di 36 ospiti su 42, ma decessi vi sono stati anche tra coloro che erano risultati negativi.

La casa di riposo aveva superato indenne la prima ondata di coronavirus. Questa volta, invece, qualcosa non ha funzionato anche se non è detto che vi siano delle responsabilità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ecatombe nella casa di riposo a Borgomasino: 17 ospiti morti (su 42) nelle ultime due settimane

TorinoToday è in caricamento