Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca San Salvario / Via Ormea, 8

Inciampò in una buca e morì: nove persone indagate per omicidio colposo

Il caso avvenne lo scorso maggio: un anziano pensionato cadde in una buca in via Ormea e morì. Oggi ci sono nove persone indagate per omicidio colposo

Una delle buche nelle strade torinesi

Era caduto in una buca, non si è più rialzato: è morto inciampando in una buca di via Ormea, vicino all’incrocio con corso Vittorio Emanuele II, sotto lo sguardo incredulo e sgomento dei passanti. Ora, per quel tragico episodio, ci sono nove indagati.

Il pm Raffaele Guariniello, dopo aver consultato un esperto del Politecnico, ha iscritto nell'apposito registro i nomi di quattro funzionari del Comune, oltre a cinque operatori della Smat. L’accusa per la quale si procede è di omicidio colposo. Secondo una perizia effettuata, è stato lo scarso spessore dell’asfalto a provocare la buca nella quale Ezio F., 76 anni, è inciampato trovando così la morte.

La buca di via Ormea non è purtroppo l’unica della città: in molte altre parti di Torino cedimenti dell’asfalto piccoli e grandi fanno soffrire ogni utente della strada, dagli automobilisti ai pedoni: nelle scorse settimane i vigili urbani ne hanno censite oltre 1200.

Intanto emerge che le spese per la manutenzione ordinaria preventiva delle strade di Torino in pochi anni sono calate da 5 milioni a appena 250mila euro. Questi interventi sono considerati indispensabili per impedire il deterioramento dell'asfalto in modo non recuperabile: il taglio è stato di oltre il 90%, con evidenti conseguenze. In via Ormea, secondo un esperto del Politecnico interpellato da Guariniello, la situazione di deterioramento era tale da richiedere un totale rifacimento dell'asfaltatura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inciampò in una buca e morì: nove persone indagate per omicidio colposo

TorinoToday è in caricamento