Febbre del Nilo: donna muore in ospedale dopo il morso di una zanzara

Ma è un caso rarissimo

La zanzara che trasmette la febbre del Nilo

Annamaria Dan, 75 anni, di Chieri, conosciuta anche come Lauretta Martellini, è morta nella notte di ieri, martedì 3 settembre 2019, nell'ospedale Maggiore della sua cittadina a causa della febbre del Nilo trasmessa da una puntura di zanzara.

Il suo fisico, già debilitato da un trapianto di rene avvenuto lo scorso gennaio, non ha retto alla patologia che soltanto in alcuni casi ristretti risulta mortale. Dieci giorni prima del decesso aveva avvertito i primi sintomi: capogiri e tremori. Poi era arrivata la febbre alta che aveva portato i medici a chiedere il ricovero. Era stata anche alcuni giorni in coma far,acologico.

Il virus è stato contratto senza dubbio a Chieri: lei non si è mai mossa, proprio a causa delle sue condizioni di salute non buone.

Lascia una figlia, Marina di 38 anni, e una nipote. Prima di andare in pensione aveva gestito per anni un negozio di abbigliamento per bambini in via Garibaldi e lavorato anche in una ditta di tessitura. Era conosciuta soprattutto nella zona di piazza Gerbido, dove abitava, e nella chiesa di San Giorgio, dove domani alle 11.30 si terrà il funerale.

Il primo caso di contagio da febbre del Nilo nel Torinese era avvenuto a luglio, con vittima una 62enne di Poirino che però se l'era cavata con qualche giorno di ospedale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Esplosione e incendio distruggono la tensostruttura, fiamme nei locali e nube di fumo

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

Torna su
TorinoToday è in caricamento