Liberato dal giudice, 'impazzisce' perché non ha indietro il cellulare e morde gli agenti

Così finisce in galera

La polizia davanti al tribunale (immagine di repertorio)

Arrestato con l'accusa di essere uno spacciatore e scarcerato dal giudice, è esploso diventando violento quando ha saputo che avrebbe dovuto aspettare per avere indietro il suo telefono cellulare.

Protagonista dell'accaduto, all'ora di pranzo di giovedì 17 gennaio 2019 in tribunale a Torino, è un nigeriano di 22 anni che ha aggredito a calci e morsi i poliziotti delle volanti che gli stavano restituendo i documenti e gli altri oggetti personali.

Per lui, che aveva passato la mattinata in una cella di sicurezza di un commissariato, si sono aperte le porte del carcere con l'accusa di resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Il cellulare, in realtà, non era sparito, ma era ancora sotto sequestro: sarebbe stato necessario aspettare un provvedimento apposito da parte della procura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel palazzo del centro cittadino: uomo si uccide gettandosi nel vuoto

  • Ventiquattro ore dopo, nuovo dramma in autostrada: morto un 26enne

  • Scende dall'auto dopo un incidente e viene travolto da un'altra vettura: morto

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Mentre passeggia sputa alle donne che incrocia sotto i portici: "Sono inferiori"

Torna su
TorinoToday è in caricamento