menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Smat, approvate modifiche per rafforzare la presenza pubblica

Il Consiglio comunale ha approvato con 19 voti favorevoli, 6 voti contrari e 10 astensioni la delibera con cui si operano modifiche allo statuto sociale e alla convenzione tra i quasi 300 soci di Smat

Il Consiglio comunale ha approvato alcune modifiche allo statuto sociale della Smat, intervenendo su alcuni aspetti della governance sociale e sulla destinazione degli utili, al fine di rafforzare l’attuale natura pubblica della società. L'atto, che ha ricevuto 19 voti favorevoli, 6 contrari e 10 astensioni, dispone “la progressiva uscita dalla compagine azionaria dei soci diversi dai Comuni sia mediante il trasferimento delle azioni detenute da tali soci, in capo ai relativi Comuni, sia tramite operazioni approvate dall’Assemblea per l’acquisto di azioni proprie da parte di Smat”.

Per quanto riguarda la destinazione degli utili la delibera prevede che vadano per un massimo del 20% ai Comuni per iniziative di tutela ambientale e per un minimo dell’80% siano destinati “a sostegno del piano economico e finanziario dell’azienda”.

Il Comune di Torino detiene direttamente il 59,69% di Smat. Un altro 5,61% è controllato indirettamente attraverso la finanziaria FCT, che da Palazzo Civico vorrebbero acquistare per controllarlo direttamente e far diventare progressivamente la Smat di totale proprietà pubblica. Infine, le quote rimanenti del 16,98% sono in mani di 287 comuni soci, che con Torino formano l'ATO 3.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento