Minotauro: chiesti 609 anni di condanna per i 63 imputati in Appello

Tra le richieste del pg c’è quella all’ex sindaco di Leinì Nevio Coral, per cui sono stati chiesti dieci anni, sette anni all’ex segretario comunale di Rivarolo Antonino Battaglia, quindici per Rosario Mirando

Il procuratore generale Antonio Malagnino ha chiesto 609 anni complessivi per i 63 imputati del processo Minotauro, giunto alla seconda fase, quella dell’Appello. In primo grado ne erano stati sentenziati 266 di anni.

Tra le richieste del pg c’è quella all’ex sindaco di Leinì Nevio Coral, per cui sono stati chiesti dieci anni, la stessa pena data in Corte d’Assise, sette anni all’ex segretario comunale di Rivarolo Antonino Battaglia, quindici per Rosario Mirando, assolto in primo grado ma nuovamente arrestato a Roma negli scorsi giorni per il sequestro del figlio di un boss di Gioiosa Ionica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo grado di giudizio si era chiuso con 36 condanne e 38 assoluzioni. Da ricordare che il processo sulle infiltrazioni dell’ndrangheta nel torinese si era già concluso per 50 imputati con la condanna definitiva in Corte di Cassazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento