menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università di Torino: un robot per asportare i tumori del colon

L'università di Torino ha progettato un mini robot per interventi non invasivi. Il progetto è stato premiato alla nona edizione della Start-Cup "Piemonte e Valle d'Aosta"

Per eseguire interventi non invasivi per asportare tumori precoci nel tratto gastro-intestinale adesso si potrà usare un mini-robot: il suo nome è Red - Robot for Edoscopic Dissection - ed è stato premiato aggiudicandosi il secondo premio alla nona edizione della Start-Cup "Piemonte e Valle d'Aosta", concorso di idee imprenditoriali che si è concluso oggi all'Università del Piemonte Orientale a Novara.

Il progetto è uno dei tre dell'università di Torino che si sono aggiudicati un posto tra i primi dieci in classifica. Il piccolo robot consente di effettuare interventi con obiettivo "escissione zero", consentendo quindi una totale esportazione del tumore in modo tale da non incappare nei rischi di un intervento di chirurgia tradizionale ed abbattendo i costi di degenza e di personale sanitario addetto.

Per il suo utilizzo, non è necessaria alcuna sala operatoria, ma basta una sala endoscopica standard.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento