Minacce ripetute all'ex moglie, il giudice gli vieta di entrare a Nole

Provvedimento contro un operaio di 55 anni: se verrà sorpreso in paese verrà arrestato

Il tribunale di Ivrea

Divieto di entrare a Nole, dove abitano l'ex moglie e il figlio.

E' il provvedimento spiccato dal gip Alessandro Scialabba, su richiesta del pm Giuseppe Drammis, entrambi in servizio presso il tribubale di Ivrea, nei confronti di un operaio di 55 anni che da tempo perseguitava l'ex consorte.

L'uomo ora si è trasferito a Mathi: se verrà trovato a Nole verrà immediatamente arrestato e pesantemente multato.

L’ultima minaccia sul telefonino della donna è arrivata proprio mentre lei era dai carabinieri per spoergere l'ultima denuncia nei suoi confronti.

Il provvedimento è valido anche per il luogo dove la donna lavora e per tutti i luoghi dove abitano i suoi parenti.

Potrebbe interessarti

  • Scarafaggi in casa? Ecco come allontanarli

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Auto sui binari del tram

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita gettandosi dal balcone: muore un uomo

  • Si toglie la vita con un colpo di pistola: aveva solo 30 anni

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Addio a Max e alla sua passione per i motori, il ricordo degli amici

  • Due torinesi muoiono in un incidente negli Stati Uniti: investiti da un tir dopo la caduta in moto

Torna su
TorinoToday è in caricamento