Migranti cercano di passare il confine nonostante la bufera di neve: salvati e soccorsi

tre interventi nell'arco di pochissime ore

Immagine di repertorio

Dalla scorsa estate, le montagne di Bardonecchia sono interessate da importanti flussi di migranti che tentano di passare il confine con la Francia.

Anche nella giornata di domenica 10 dicembre 2017 e all’alba di oggi, lunedì 11 dicembre 2017, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (Cnsas Piemonte) della stazione di Bardonecchia è dovuto intervenire in tre distinte operazioni per soccorrere ben otto migranti, tutti che cercavano di scappare Oltralpe nella zona del Colle della Scala, a 1.726 metri, nonostante le condizioni climatiche proibitive a causa della neve e delle rigide temperature.

Il primo intervento domenica pomeriggio. Soccorso Alpino, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco hanno attivato le ricerche con sci e pelli di foca per cercare due migranti. Dopo quattro ore, però, le ricerche sono state sospese perché, dopo essere riusciti a mettersi in contatto con i due dispersi, questi ultimi hanno affermato di trovarsi a fondovalle in territorio francese, in buone condizioni di salute.

Passano diverse ore e nel cuore della notte, intorno alle 2.30, una nuova richiesta d’aiuto per un migrante in difficoltà a causa della neve e del freddo lungo la strada carrozzabile verso il Colle della Scala. Dopo aver individuato il punto in cui si trovava, l’uomo è stato recuperato da un’ambulanza.

All’alba, attorno alle 5.20, il Peloton de la Gendarmerie de Haute Montagne francese ha segnalato cinque migranti in difficoltà, sempre lungo la strada verso il Colle della Scala in territorio francese, ma sul versante italiano.

Una squadra mista di soccorritori sono partiti sci ai piedi, raggiungendo i dispersi qualche minuto prima delle 7. Un soccorso risultato determinante, visto che due di loro presentavano congelamenti importanti agli arti, uno aveva perso le scarpe e un altro era privo di guanti. I cinque, alla pari del migrante recuperato nel cuore della notte, sono stati ricondotti a valle e consegnati alle autorità per l’ospedalizzazione e le operazioni di riconoscimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Giornata mondiale della pizza: ecco dove mangiarla a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento