Fedeli alla Messa di Pasqua nonostante i divieti: anche il parroco rischia la multa

Le celebrazioni dovrebbero svolgersi a porte chiuse

La fede più forte dei divieti. Nella chiesa di Rivarolo Canavese, nella mattinata di domenica 12 aprile - giorno di Pasqua - una decina di fedeli si è recata alla Santa Messa celebrata dal parroco nella chiesa di San Giacomo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vigili, su segnalazione di alcuni cittadini, si sono recati sul posto e hanno verbalizzato le presenze. I fedeli rischiano ora una multa salata e la rischia anche il parroco che, nonostante le misure restrittive, ha continuato la celebrazione della Messa pasquale. Secondo le indicazioni della diocesi di Ivrea infatti, le Messe dovrebbero essere celebrate solamente a porte chiuse.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento