Cronaca

Manda il fratello a visitare i pazienti al suo posto, due indagati

Il medico competente, per evitare di spostarsi dalla Sicilia a Torino dove avrebbe dovuto effettuare visite di idoneità al lavoro, mandava il fratello, privo del titolo per poter esercitare quella professione

Anzichè visitare i pazienti di persona, mandava il fratello che non aveva, però, il titolo idoneo a esercitare la professione di medico competente.

I due famigliari - uno medico competente residente in Sicilia, l'altro medico convenzionato con l'Asl To5 residente a Torino - sono stati interdetti dall'esercizio della professione per una durata di due mesi. A emettere il provvedimento, il giudice per le indagini preliminari di Torino.

Secondo la Procura, infatti, vi era una vera e propria sostituzione tra i due fratelli, operata negli anni dal 2011 al 2013. Per evitare di spostarsi dalla Sicilia al torinese, dove avrebbe dovuto visitare i lavoratori di decine di ditte, il medico competente, mandava in sostituzione il fratello, residente a Torino. Questo, tuttavia, non era in possesso del titolo e della nomina necessaria a valutare i lavoratori e quindi dichiararli idonei per determinate mansioni.

I due avrebbero guadagnato negli anni un'ingente somma, dato che avevano in lista decine e decine di aziende con i relativi lavoratori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manda il fratello a visitare i pazienti al suo posto, due indagati

TorinoToday è in caricamento