menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

Medico di guardia nega la visita domiciliare: a processo per omissione d'atti d'ufficio

La paziente aveva un aneurisma

Un medico di guardia di Ivrea, un'italiana di 34 anni, è a processo da metà maggio 2018 nel trbunale cittadino con l'accusa di omissione di atti d'ufficio per non essersi recata a casa di una donna a visitarla. Una Tac, effettuata quattro giorni dopo all'ospedale Giovanni Bosco di Torino (lo stesso giorno della telefonata era stata dimessa anche dall'ospedale di Ivrea), aveva poi svelato che aveva un'aneurisma e i medici erano riusciti a salvarle la vita.

I fatti risalgono al marzo 2016. La dottoressa è difesa dall'avvocato Alberto Bazzani, mentre la paziente è rappresentata come parte civile dall'avvocato Luca Fiore. L'accusa è sostenuta dal pm Chiara Molinari.

Secondo la versione della paziente, il medico si sarebbe rifiutata di recarsi a casa sua prescrivendole al telefono un medicinale che lei aveva già preso senza alcun effetto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento