Medico anestesista si uccide con un'iniezione letale, tragedia in via Ormea

L'uomo, 35 anni, era molto conosciuto a Carmagnola. Alla base del gesto una delusione sentimentale

Il funerale, oggi pomeriggio

Si è tolto la vita con un'iniezione letale, un cocktail di farmaci che lui, medico anestesista, sapeva perfettamente che lo avrebbe portato alla morte in modo indolore e in pochi minuti.

E' morto così un 35enne residente a Carmagnola, il cui funerale è stato celebrato oggi pomeriggio, venerdì 2 settembre, alla presenza delle autorità cittadine, ma che da qualche tempo abitava anche a Torino, in via Ormea 80, dove è avvenuta la tragedia.

A salutarlo, nella parrocchia della Collegiata, c'erano 150 persone.

Per volontà della famiglia le offerte raccolte durante la funzione, saranno devolute alle scuole, a favore degli allievi meno abbienti.

Alla base del gesto, secondo quanto ricostruito dagli agenti del commissariato Barriera di Nizza, ci sarebbe una relazione sentimentale finita male.

Gli investigatori hanno trovato un biglietto in cui ha chiesto ai suoi genitori.

Il corpo è stato scoperto proprio dal padre alcuni giorni fa.

Il mese scorso un'infermiera si suicidò con lo stesso metodo nel reparto di dialisi dell'ospedale di Rivoli.

Potrebbe interessarti

  • Scarafaggi in casa? Ecco come allontanarli

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Auto sui binari del tram

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita gettandosi dal balcone: muore un uomo

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Due torinesi muoiono in un incidente negli Stati Uniti: investiti da un tir dopo la caduta in moto

  • Addio a Max e alla sua passione per i motori, il ricordo degli amici

  • Perdono il controllo dell'auto all'incrocio e ne centrano altre due: feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento