rotate-mobile
Cronaca

Per la protesi al seno rischia una cancrena, a processo dirigenti e medici

La paziente, oggi 61enne, è stata costretta a tornare sotto i ferri diverse volte

Una mammella era ormai nera e la paziente, 54enne all’epoca dei fatti, ha dovuto subire altri tre interventi chirurgici per poter rimediare a quanto successo dopo essere stata operata al seno al Medicenter nel dicembre 2011.   

Si era rivolta al poliambulatorio per sottoporsi a un intervento chirurgico di rimozione di due fibroadenomi e per il successivo impianto di protesi a entrambi i seni, ma le protesi le avevano creato una gravissima infezione e dolori fortissimi.

Un mese dopo l'operazione iniziale, nemmeno perfetta dal punto di vista estetico - secondo quanto emerso nel corso del processo-, si era rivolta a un altro chirurgo che l'aveva immediatamente ricoverata al pronto soccorso delle Molinette e rioperata. 

Adesso la signora è parte civile nel processo per concorso in lesioni colpose avviato nei confronti di medici e dirigenti, sei in tutto, che all’epoca dei fatti erano in servizio presso il poliambulatorio privato torinese.

La prossima udienza è fissata per giovedì 16 febbraio.
 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per la protesi al seno rischia una cancrena, a processo dirigenti e medici

TorinoToday è in caricamento