menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bagno di folla per Renzi, il sindaco di Firenze deluso da Pd e Pdl

Una grande platea ha accolto il sindaco fiorentino Matteo Renzi alla sua prima alla festa del Pd. Renzi ha attaccato le larghe intese schierandosi anche con chi non vuole i finanziamenti ai partiti

Una folla oceanica ha accolto ieri pomeriggio Matteo Renzi a Torino. La visita del sindaco di Firenze alla festa del Pd in piazza d'Armi ha richiamato così tanti cittadini che qualcuno si è dovuto accontentare di sedersi per terra. Tra questi anche l'ex ministro Profumo intervenuto insieme al sindaco della città Piero Fassino. Renzi ha espresso fiducia nell'attuale governo dando subito una stoccatina ai rivali del Pdl. “Il governo non salterà perchè al Pdl conviene stare in maggioranza e perchè Grillo non vuole andare a elezioni”. Una sconfitta le larghe intese, qualche scintilla con l'attuale premier Enrico Letta. "Le large intese sono una sconfitta per tutti. Votiamo insieme a persone che, dietro alle poltrone, ce ne dicono di tutti i colori. La verità è che oggi siamo al governo con Schifani e Brunetta". E su Letta: “E' il premier del mio Paese gli voglio dare realmente un mano nell'interesse degli italiani e del Paese. Non ho voglia di rispondere alle sue accuse".


Il sindaco fiorentino si è poi tolto qualche sassolino dalla scarpa: "Se alle scorse primarie non avessimo sbattuto la porta in faccia a chi voleva votare alle primarie magari avremmo vinto le elezioni” ha dichiarato Renzi applaudito dal pubblico della festa democratica. Prima di ripartire il sindaco di Firenze ha voluto ribadire il suo no ai finanziamenti pubblici ai partiti. “Qualcuno con i soldi pubblici ha fatto cose che non avrebbe dovuto fare. Bisogna lanciare un segnale di recupero di rapporto di fiducia con i cittadini e smettere di finanziare i partiti”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento