menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Stefania Scialabba e Claudia Ottone

Stefania Scialabba e Claudia Ottone

Stefania e Claudia spose a Moncalieri: "Lo facciamo anche per tutti gli omosessuali"

La coppia è una delle prime a convolare a nozze (unione civile) in provincia: cerimonia il 22 settembre

Si chiamano Stefania Scialabba, 40 anni, e Claudia Ottone, 33 anni, e sono due delle prime spose omosessuali di Torino e provincia.

Abitano a Moncalieri da due anni, ossia da quando la più giovane, che prima stava a Roma, ha deciso di seguire la fidanzata poco dopo che si erano messe insieme.

La cerimonia, formalmente un'unione civile, è fissata per il 22 settembre alle 11, in municipio al cospetto di parenti, amici e colleghi di lavoro.

"Ci sposiamo perché ci amiamo - spiegano le due donne -, perché formiamo una famiglia, perché è piacevole ottenenere la parità in Italia e perché siamo due cittadine che lavorano e pagano le tasse".

Claudia è una pubblicitaria, mentre Stefania ha una società di servizi, organizza eventi ed è una scrittrice; in passato è stata chef vegano di un ristorante.

"A casa cucino io ed è meglio", scherza Stefania.

L'amore tra le due donne, nato a Verona due anni fa grazie ad amici comuni, è cementato da quattro cani, l'ultimo dei quali, sordocieco, è stato adottato da poco.

Adottare bambini invece? "Per ora - spiegano - non pensiamo all'adozione ma all'inseminazione artificiale e speriamo che l'altra possa adottare il figlio biologico del partner senza difficoltà. Sull'adozione, comunque, pensiamo che ogni pratica vada valutata caso per caso, indipendentemente dal fatto che una coppia sia gay o eterosessuale".

Che cosa pensate di quelle coppie che, a differenza di voi due, preferiscono ancora nascondersi? "Nascondersi è una scelta personale. Pensiamo che lo facciano perché qualche difficoltà c'è ancora in una società come la nostra. Noi ci sposiamo anche per quelle persone che non osano manifestarsi e anche per quei figli di coppie eterosessuali che magari un giorno diventeranno omosessuali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento