menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

Si masturba sul bus e 'sporca' la vittima: è violenza sessuale

Ribaltato verdetto di scarcerazione

E' scattato ieri, giovedì 21 dicembre 2017, l'arresto per il 27enne marocchino protagonista di alcuni episodi di masturbazione sul bus, uno dei quali, a marzo del 2017, addosso a una passeggera sul bus 68 in corso Vittorio Emanuele II.

Il tribunale del riesame ha ribaltato un'ordinanza di scarcerazione del gip Alessandra Cecchelli che sosteneva che non si poteva essere trattato di violenza sessuale in quanto non c'era stato contatto fisico tra le due parti, derubricando il reato a semplice atto osceno.

Secondo i giudici, invece, "è pacifico - si legge nel provvedimento - che il contatto fisico tra il soggetto-agente e la vittima non è requisito necessario ai fini dell'integrazione del reato di violenza sessuale. Poiché questo sussiste ugualmente quando l'autore della condotta trova comunque soddisfacimento sessuale".

Si è trattato, in definitiva di "violazione della propria libertà di autodeterminazione sessuale e in presenza di coscienza e volontà da parte dell’indagato di soddisfare un proprio impulso sessuale. L’indagato poi ha agito con modalità particolarmente insidiose in quanto in apparenza ha tenuto la condotta di un “normale” passeggero dell’autobus proprio al fine di non attirare l’attenzione su di sé né della vittima né degli altri presenti".

L'uomo, tra l'altro, era già stato arrestato per un altro episodio su un altro bus a fine agosto 2017.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento