Grugliasco, lo stabilimento Maserati si ferma fino al 14 settembre

Ma Comau anticipa la fine dei contratti di solidarietà

A partire da oggi 6 settembre e fino al 14, lo stabilimento Maserati di Grugliasco si ferma. Per tutti i 2.700 lavoratori, dopo tre settimane di ferie effettuate nel mese di agosto, arriva la solidarietà. “La chiusura è dovuta a problemi di mercato - ha spiegato la Fismic -. Siamo molto preoccupati per il futuro dello stabilimento che ha assorbito 1.100 lavoratori della Carrozzeria di Mirafiori". 

Buone notizie invece per la Comau di Grugliasco, un'altra azienda del gruppo Fca. Per lo stabilimento, dove lavorano 1200 persone - 300 operai e 900 impiegati - è stata siglata un'intesa che ha anticipato a lunedì 3 settembre la chiusura dei contratti di solidarietà - attivati lo scorso 2 gennaio in seguito a un calo delle commesse - prevista il prossimo 31 dicembre. "Finalmente una buona notizia - commenta Edi Lazzi, responsabile del Comau per la Fiom-Cgil torinese - . Se i volumi verranno confermati o incrementati potrebbero arrivare nuove assunzioni". Il rinnovato andamento positivo ha spinto infatti l’azienda ad anticipare l’uscita dai cds, con i lavoratori che già da lunedì scorso sono tornati all’orario completo. 

   

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Sei bersagliato dalle punture di zanzara? Sette motivi per cui preferiscono proprio te

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Detrito come un proiettile trapassa un'auto da parte a parte: conducente illeso per miracolo

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento