Cronaca

Da Rivalta a Rivoli la marcia dei No Tav: 10 mila in piazza

Manifestazione contro l'imminente apertura dei cantieri per il tunnel geognostico propedeutico alla realizzazione della linea. Alla testa del corteo circa 70 trattori della Coldiretti

Migliaia di persone appartenenti al movimento dei No Tav hanno sfilato quest'oggi per manifestare la propria opposizione all'imminente apertura dei cantieri per il tunnel geognostico propedeutico alla realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione.

Il corteo, che vedeva alla sua testa circa 70 trattori della Coldiretti, è partito da Rivalta di Torino e ha raggiunto Rivoli. Alle spalle dei trattori bandiere e striscioni bianchi con il treno crociato di rosso. Nel corteo presenti anche il presidente della comunità montana Valli di Susa e Sangone, Sandro Plano, e alcuni sindaci dei comuni della zona.


Solito balletto di di cifre sul numero dei partecipanti:
15 mila secondo l'organizzazione, 5 mila secondo la Questura. La cifra corretta secondo la stima più realistica è una via di mezzo tra le due: in piazza o meglio, "in marcia", erano 10 mila. Ieri intanto i No Tav hanno preannunciato la possibilità di altre azioni "clamorose". "Se verranno fatte delle forzatura siamo pronti a bloccare il Giro d'Italia": lo ha detto Alberto Perino, uno dei leader del movimento che si oppone alla realizzazione della linea ferroviaria. In realtà il blocco della tappa sarebbe inevitabile se davvero i lavori saranno iniziati a breve. Proprio per questo è probabile che prima di giugno non si muoverà nulla. Il Movimento 5 Stelle ha dal canto suo annunciato la prossima apertura di un presidio a Chiomonte (una roulotte) per "presidiare il territorio, l'esercizio della democrazia e la tutela dell'incolumità dei cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Rivalta a Rivoli la marcia dei No Tav: 10 mila in piazza

TorinoToday è in caricamento