Cronaca Centro / Piazza 18 Dicembre

Cgil in piazza a Torino, tensione tra studenti e polizia

Il corteo a Torino partirà alle ore 9.30 da Porta Susa, proseguirà per via Cernaia e via Pietro Micca, per concludersi poi intorno alle ore 11.30 in Piazza Castello

REVOCATO LO SCIOPERO GTT

Lo sciopero generale di venerdì 6 maggio 2011 (revocato lo sciopero dei mezzi pubblici) ha in programma una manifestazione della Cgil in mattinata. Il corteo è partito alle ore 9.30 da Porta Susa, ha proseguito per via Cernaia e via Pietro Micca, per concludersi poi intorno alle ore 11.30 in Piazza Castello, con l'intervento di Fulvio Fammoni della segreteria nazionale della Cgil.

Sono migliaia i lavoratori e pensionati che sfilano al corteo di Torino, partito dalla stazione di Porta Susa e aperto dallo striscione "Cambiamo il presente per avere un futuro migliore". Da un furgone vengono distribuite 2.000 rose di tutti i colori, alle quali è attaccato un cartellino con la scritta "un futuro senza spine". La manifestazione è molto colorata: cartelloni e striscioni per essere più visibili sono in alto, appesi a palloncini rossi. Folta la presenza dei lavoratori metalmeccanici dietro a un camper rosso 'FiomMobile' che dopo la manifestazione verrà posizionato davanti allo stabilimento di Mirafiori. I dipendenti del commercio sfilano con le magliette bianche con la scritta 'No al contratto separato'. Ci sono anche le bandiere del comitato per il sì all'acqua come bene comune.

Alcune centinaia di studenti dei movimenti studenteschi che dietro lo striscione 'studenti contro' si sono inseriti nel corteo promosso dalla Cgil in occasione dello sciopero generale, raggiunta la sede dell'Uffico scolastico regionale hanno lanciato alcune uova, gavettoni di vernice rossa e petardi. Durante il corteo degli studenti a Torino ci sono stati momenti di forte tensione con la polizia che per due volte ha dovuto caricare i manifestanti che stavano cercando di forzare l'ingresso della sede di Equitalia, la società per la riscossione dei tributi. Due studenti accompagnati in Questura per accertamenti, alcuni giovani contusi senza però il ricorso alle cure ospedaliere: è il risultato dei disordini di questa mattina.

La Cgil non dà numeri sulla partecipazione allo sciopero generale a Torino ma parla di un numero molto superiore a quello della manifestazione del luglio scorso quando erano state indicate oltre 35 mila presenze. Per le forze dell'ordine al corteo hanno partecipato tra le 15 e le 20 mila persone. Alta, secondo la Cgil, l'adesione nelle principali fabbriche della provincia: 70% alla Powertrain di Mirafiori, alla Alenia di Torno e Caselle e nell'area di Scarmagno, 80% all'Avio di Borgaretto, alla Daytech di Chivasso e alla Elbi, 90% alla Microtecnica e alla Itca. Sul palco hanno parlato un delegato Fiom della Dayco, un rappresentante del comitato 'Si' all'acqua pubblicà, una rappresentante della Cgil Scuole e uno studente. La manifestazione è stata conclusa da Fulvio Fammoni della segreteria generale della Cgil.

Fonte: Ansa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cgil in piazza a Torino, tensione tra studenti e polizia

TorinoToday è in caricamento