Cronaca Aurora / Via Bogino 1

Askatasuna irrompe al corteo del primo maggio: momenti di tensione

Una cinquantina di giovani dell'area antagonista, legati al centro sociale Askatasuna, hanno contestato la Cisl, definendolo "il sindacato dei traditori". Cori anche contro Michele Coppola

Primo maggio movimentato, come da previsioni, a Torino. Momenti di tensione durante il corteo tradizionale della Festa dei Lavoratori, in via Po all'altezza di via Bogino. Nella manifestazione sono presenti numerosi candidati alla poltrona di sindaco, da Piero Fassino a Michele Coppola. Il corteo sindacale del primo maggio a Torino è stato interrotto poco dopo la partenza dalla presenza di una cinquantina di giovani dell'area antagonista, legati al centro sociale Askatasuna, che hanno contestato la Cisl, definendolo "il sindacato dei traditori", lanciando uova e palline di carta contro i sindacalisti.


La polizia si è frapposta tra i contestatori e lo spezzone di corteo della Cisl ed al momento non si sono verificati incidenti. Contestata anche, sempre dagli stessi manifestanti, la partecipazione al corteo del candidato a sindaco di Torino del centrodestra Michele Coppola: "Fuori i fascisti dal corteo", hanno scandito gli autonomi. Il sindaco Sergio Chiamparino minimizza: "Questa è gente che non ha nulla da dire". Non c'è in piazza Alberto Musy, il candidato del Terzo Polo: “Non ho mai partecipato al corteo del primo maggio e, con coerenza, neppure quest’anno sarò presente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Askatasuna irrompe al corteo del primo maggio: momenti di tensione

TorinoToday è in caricamento