Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca None / Via Pinerolo, 25

Indesit, corteo dei Lavoratori contro il trasferimento in Polonia

Circa 300 lavoratori della Indesit di None, molti dei quali in cassa integrazione, hanno partecipato a un'assemblea davanti alla fabbrica. Un corteo ha poi raggiunto, lungo la statale, il centro di None

Dopo la protesta di ieri di circa 300 dipendenti della Indesit, anche quest'oggi i lavoratori hanno dato via ad una forma di protesta contro l'intenzione di trasferire la produzione di lavatrici in Polonia. E' stato dato vita ad un corteo che è partito dalla fabbrica e ha raggiunto il centro di None passando per la statale, dove una delegazione è stata ricevuta dal sindaco.

Il 18 aprile è in programma un incontro tra le organizzazioni sindacali e l'azienda, mentre una prossima riunione del Cae si terrà il 24 aprile. "Siamo assolutamente contrari ai licenziamenti e alla chiusura dello stabilimento - dichiara Federico Bellono, segretario provinciale Fiom-Cgil - e faremo di tutto, insieme ai lavoratori, per impedirlo. Questa vicenda di possibile e ulteriore delocalizzazione è particolarmente grave perché non stiamo parlando di una multinazionale ma di un'azienda italiana e perché appena tre anni fa la questione era già stata affrontata con un faticoso accordo che prevedeva l'impegno da parte di tutti, in primis dell'azienda, per mantenere la produzione a None".


Secondo Bellono, "l'annuncio della Indesit dimostra infine che é necessario e urgente cambiare l'agenda di governo: il problema non è rendere più facili i licenziamenti ma garantire la tenuta del sistema industriale italiano, e torinese in particolare, la cui crisi va ben oltre il settore auto". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Indesit, corteo dei Lavoratori contro il trasferimento in Polonia

TorinoToday è in caricamento