Cronaca San Salvario / Corso Massimo D'Azeglio

Imprenditori in piazza, bloccato il traffico in corso Massimo d'Azeglio

Un migliaio di imprenditori è partito in corteo dal Teatro Nuovo. Dietro un furgoncino hanno sfilato e bloccato il traffico in corso Massimo d'Azeglio

Questa mattina per le strade di Torino hanno sfilato in corteo un migliaio di imprenditori provenienti da tutta Italia. La manifestazione è stata promossa dall'associazione 'Imprese che resistono', movimento nato quattro anni fa a Torino.

Partito dal Teatro Nuovo, il corteo ha bloccato corso Massimo d'Azeglio e corso Vittorio Emanuele II, mandando in tilt la circolazione stradale. Tra i partecipanti al corteo ci sono Api, Cna e Confartigianato. Numerosi gli striscioni dietro ai quali sfilano gli imprenditori, tra cui 'Dopo il rigore e' tempo di crescita ed equita", 'Imprese che resistono... è un'impresa resistere', 'Che futuro lasceremo ai giovani', 'La globalizzazione è una opportunità per pochi'.

Gli imprenditori delle varie associazioni che hanno aderito alla manifestazione si alternano su un furgoncino elencando le cose che non vanno. Il corteo risponde scandendo lo slogan 'Basta'.

Dopo quasi tre ore dall'inizio del corteo, i manifestanti sono arrivati davanti alla sede della Rai. Qui hanno srotolato uno striscione con scritto 'L'Italia sta andando indietro'. Alle loro spalle un'enorme bandiera tricolore. "Tre anni fa siamo scesi in piazza - ha detto l'imprenditore Luca Peotta, fondatore del movimento - e da allora non è cambiato nulla, soltanto la pressione fiscale. Siamo tornati a manifestare perché vogliamo aiutare le piccole e medie imprese a rialzare la testa. La situazione è insostenibile. In questa piazza ci sono anche giovani, studenti, disoccupati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imprenditori in piazza, bloccato il traffico in corso Massimo d'Azeglio

TorinoToday è in caricamento