Cronaca Piazza Castello

La Fiom scende in strada contro la riforma del lavoro: venerdì manifestazione

Un corteo partirà dalla stazione di Porta Susa e raggiungerà piazza Castello. Davanti al palazzo della Regione il segretario generale Landini terrà il comizio finale: poi verrà chiesto un incontro a Chiamparino

Venerdì 17 ottobre il centro di Torino farà da passerella al corteo che la Fiom ha organizzato per protestare contro la riforma del lavoro proposta del Governo Renzi.

Una manifestazione che dovrebbe avere una larga partecipazione: in città arriveranno infatti 17 pullman da tutta la Provincia, ai quali si aggiungeranno diversi lavoratori raggiungeranno Torino in treno. "Ci aspettiamo la presenza di giovani e studenti - dice il segretario cittadino della Fiom, Federico Bellono - oltre a quella dei delegati di altre organizzazioni sindacali".

In testa al corteo che partirà da Porta Susa ci saranno i lavoratori della De Tomaso e della Fiat. Presente alla manifestazione anche il segretario generale della Cgil regionale Alberto Tomasso, Vittorio De Martino, Federico Bellono e il segretario generale Maurizio Landini, il quale terrà oli comizio conclusivo in piazza Castello.

"La nostra iniziativa si colloca nell'ambito della mobilitazione Cgil contro contro il jobs act in vista dello sciopero generale che dovrebbe essere nella seconda metà di novembre - fanno sapere dalla Fiom -. A Torino più che altrove si capisce che dalla crisi si esce solo con la ripresa degli investimenti pubblici e privati e che l'articolo 18 è l'ultimo dei problemi". Proprio di investimenti il sindacato vorrebbe parlare con il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino e con il ministro Giuliano Poletti che proprio venerdì sarà presente a Torino per il vertice dei ministri europei del Lavoro. A loro sarà richiesto un incontro una volta che il corteo sarà giunto in piazza Castello.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Fiom scende in strada contro la riforma del lavoro: venerdì manifestazione

TorinoToday è in caricamento