rotate-mobile
Sabato, 28 Maggio 2022
Cronaca Corso Vittorio Emanuele II

L'ad delle FS Mauro Moretti contestato a Porta Nuova

Una trentina di lavoratori della ditta Servirail Wagon-Lits hanno manifestato questa mattina contro il numero uno di Trenitalia. A fine anno oltre 450 persone potrebbero perdere il posto di lavoro

Giornata intensa per i dipendenti della Servirail Wagon-Lits, a rischio licenziamento a fine anno e disposti a lottare per mantenere il posto di lavoro. Questa mattina hanno contestato l'amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, alla stazione torinese di Porta Nuova. Una trentina di persone, tenute a distanza dalla polizia e dietro una transenna, hanno fischiato Moretti, a Torino per la presentazione dell' "Alleanza di qualità" con la Regione Piemonte. I manifestanti hanno esibito cartelli di protesta tra cui quello con la scritta "Trenitaglia dacci la possibilità di lavorare" e un altro con "Grazie per il Natale".

Per parlare con i manifestanti è arrivato il governatore della Regione Roberto Cota. "Ho scritto nei giorni scorsi a Trenitalia e ne ho parlato con Moretti - ha detto Cota, assicurando di farsi carico del problema - chiedendo che siano salvati i posti di lavoro. Cercheremo una soluzione affinché si possa arrivare a un passaggio che possa garantire l'assorbimento del personale".


La risposta dell'ad Moretti non è tardata ad arrivare: "Quando faremo le gare chiederemo che sia inserita la clausola sociale, affinché vengano preservati, per quanto possibile, i posti di lavoro, ma non possiamo assorbire tutti quelli che lavorano per i fornitori delle Fs". Lo stesso ha ricordato, a margine della presentazione dei programmi di Fs e Regione Piemonte per la qualità del servizio, che "non sono dipendenti di Fs ma di fornitori" e ha sottolineato che il servizio dei treni notte "é stato soppresso in quasi tutti i paesi. Non possiamo - ha detto - avere treni pieni solo nei fine settimana e nei restanti giorni quasi vuoti. Non si può fare viaggiare treni vuoti di notte e non avere pendolari". "D'altronde - ha concluso Moretti - si tratta di un servizio commissionato e se la domanda non viene confermata, abbiamo l'obbligo di ridurre il servizio". (Fonte Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ad delle FS Mauro Moretti contestato a Porta Nuova

TorinoToday è in caricamento