menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A rischio la custodia del figlio per la mamma infermiera in carcere

E' stata disposta una perizia per accertare se la donna sia affetta da sindrome di Munchhausen. Se lo fosse, rischierebbe di perdere la custodia del figlio di 4 anni che andrebbe o al nonno o al padre del bimbo

Continua a rimanere in carcere la mamma infermiera accusata di aver iniettato insulina al figlio per farlo star male. Il giudice per le indagini preliminari le ha infatti negato i domiciliari. Una decisione non condivisa dal legale della donna, l'avvocato Luca Dalla Torre, secondo cui non ci sarebbe né un concreto pericolo di fuga - essendo l'accusata molto legata al figlio - né una possibile reiterazione del reato.

La Procura di Torino ha disposto una perizia per accertare o meno se la donna sia affetta sindrome di Munchhausen, un disturbo mentale che porta a far del male ad un familiare per attirare l'attenzione su di sé. Se le consulenze mediche diranno che la donna ne è affetta, il rischio è la perdita della custodia del bambino che, a quel punto, potrebbe essere affidato o al nonno, che lo ha cresciuto insieme alla mamma, oppure al papà, separato dalla donna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento