Martedì, 16 Luglio 2024
Cronaca Borgo Vittoria / Via Michele Antonio Vibò

Furti, atti vandalici e biglietti razzisti: la mamma di Giorgino chiede di rimuovere la targa che lo ricorda a Torino Borgo Vittoria

Ma il sindaco la chiama e le annuncia un'altra soluzione: verrà spostata o recintata

Troppi furti, atti vandalici e biglietti razzisti sulla targa dedicata a suo figlio ucciso da due balordi, nella piazzetta di via Vibò a Torino. E così Elena Ignat, mamma di Gheorghe-Cristian (per tutti Giorgino) Munteanu, che lì era stato ammazzato ad appena 15 anni di età il 30 gennaio 2010 per avere negato una sigaretta ai fratelli Catalin e Cosmin Jitaru (poi arrestati e condannati per l'accaduto) ha chiesto al Comune di rimuovere quel ricordo, che nella piazzetta c'è da ormai otto anni. A fare traboccare il vaso del dolore della donna è stato il furto dell'alberello di Natale che lei aveva appoggiato lì davanti il 24 dicembre 2021. Troppa sofferenza. L'appello è arrivato fino al sindaco Stefano Lo Russo, che ieri, martedì 4 gennaio 2022, ha chiamato la donna annunciandole che la targa potrà essere spostata in un luogo più sicuro oppure restare lì ed essere recintata. Magari già entro il 30 gennaio, quando saranno passati 12 anni da quel barbarico assassinio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti, atti vandalici e biglietti razzisti: la mamma di Giorgino chiede di rimuovere la targa che lo ricorda a Torino Borgo Vittoria
TorinoToday è in caricamento