Aggredita con una sedia, scappa e chiede aiuto dopo mesi di maltrattamenti: marito arrestato

La colluttazione è avvenuta in cucina dove gli agenti trovano un lampadario infranto, cocci di piatti e bicchieri e una sedia rotta

Foto scattata all'interno dell'abitazione della coppia

Da mesi ogni pretesto, ogni minima incomprensione, era un motivo per rimproverare, insultare, minacciare e picchiare la moglie. O porre in essere nei suoi confronti angherie di ogni tipo come, ad esempio, chiudere il rubinetto dell’acqua calda dopo averla usata, portandosi dietro la chiave, oppure costringere la donna a dormire su un materassino per terra in corridoio.  

La sera che si è allontanata da casa, solo il provvidenziale intervento del figlio maggiorenne, che si era frapposto fra lei e il marito, aveva evitato conseguenze peggiori per la donna.

Sono le 22 di giovedì scorso 4 giugno quando alcuni poliziotti del Commissariato Dora Vanchiglia vengono avvicinati da una donna in lacrime nei pressi dei giardini Alimonda. La donna riferisce loro di essere appena scappata da casa dove il marito, a seguito di un litigio, l’aveva aggredita con violenza, utilizzando anche una sedia. Gli agenti, dopo averle dato i primi soccorsi ed averla accompagnata in Commissariato, si recano presso l’abitazione della coppia: qui trovano il marito, un cittadino marocchino, per nulla preoccupato per quanto accaduto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma la cucina porta i segni della recente colluttazione: un lampadario infranto, cocci di piatti e bicchieri in mille pezzi sul pavimento, e la sedia con la quale l’uomo aveva tentato di colpire la moglie prima, e successivamente il figlio, rotta. Quella sera l’uomo si era impadronito dei documenti della donna e dei figli prendendoli furtivamente dalla borsa di lei e alla richiesta di restituirle gli effetti personali aveva dato in escandescenze. I poliziotti del Commissariato Dora lo hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento