Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Ivrea

Si fa massaggiare dagli alunni durante le lezioni, maestra elementare nei guai

La Procura ha chiesto l'archiviazione del caso perchè secondo il p.m. non esistono fatti penalmente rilevanti. I genitori dei bambini hanno presentato istanza contro questo provvedimento

Si faceva massaggiare il collo da suoi alunni. L'episodio, che ha sconvolto genitori e docenti di tutto il Canavese, si è verificato alle porte di Ivrea, in una scuola elementare, nella classe terza.

L'indagine - accuratissima - dei carabinieri ha portato a scoprire - con l'ausilio di alcune telecamere - quanto le segnalazioni di alcune mamme avevano denunciato. Una delle due maestre, infatti, si faceva massaggiare il collo dai suoi alunni. Si andava a turno, dieci minuti per bambino ed avanti il prossimo.

Una vicenda che ha dello sconcertante ed alla quale si aggiunge un altro episodio, verificatosi qualche mese fa. Nella stessa classe, i bambini sono stati costretti a scegliere chi far morire per prima tra mamma, papà e fratello. Così chiedeva il titolo di un tema che i bambini hanno subito portato a casa per mostrarlo ai loro genitori.

Un caso sicuramente molto grave che non pare, tuttavia, aver catturato l'attenzione della Procura, per la quale non si ravviserebbero atti penalmente rilevanti. Potrebbero arrivare dei provvedimenti disciplinari inerenti al comportamento tenuto dalle insegnati, ma a deciderlo, dovrà essere il provveditorato.

Le famiglie hanno presentato istanza contro la richiesta di archiviazione promossa dalla Procura perchè le immagini all'attenzione dei carabinieri mostrano anche bambini presi per le orecchie, lancio di oggetti ed espliciti riferimenti sessuali.

Entro un paio di settimane il gip del tribunale d'Ivrea dovrà fissare l’udienza per decidere se accogliere o respingere la richiesta di archiviazione presentata dalla procura.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si fa massaggiare dagli alunni durante le lezioni, maestra elementare nei guai

TorinoToday è in caricamento