Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

La ricostruzione della vicenda

Ha poco più di venti anni la maestra d'asilo licenziata dopo che un suo video hard e alcune foto erotiche mandate al fidanzato sono finite in rete. La storia viene da una cittadina nel Torinese ed è già finita in tribunale ma i media nelle ultime ore, riportano altri particolari di una vicenda incredibile che va raccontata dall'inizio. 

Tutta la storia 

Tutto comincia quando la ragazza conosce un calciatore dilettante e intreccia con lui una storia che dura pochissimo, ma dopo due settimane che si frequentano gli invia un video hot e 18 foto. Il calciatore posta quasi tutto in una chat su Whatsapp frequentata dai suoi amici della squadra di calcetto, anche se lei nei filmati e negli scatti è perfettamente riconoscibile. "È stato lui a chiedermi di mandargli le foto", è la ricostruzione della giovane che aveva conosciuto il fidanzato a dicembre del 2017 secondo Repubblica Torino. "Non me lo ricordo", si è difeso lui (assistito da Pasqualino Ciricosta e Alessandro Di Mauro). Secondo l'accusa l'uomo ha condiviso uno screenshot da cui si capiva chi era il mittente. 

A quel punto uno dei presenti nella chat la riconosce come la maestra d'asilo di suo figlio e invia tutto alla moglie. Proprio lui, su La Stampa, racconta com'è andata la vicenda e si difende accusando la ragazza: "Se si inviano certi video, si deve mettere in conto che qualcuno li divulghi". Franco, come viene chiamato dal quotidiano, è accusato di aver mandato i filmati alla moglie che a sua volta li avrebbe condivisi con altre mamme e con la direttrice. E ricostruisce così la vicenda: "Due anni fa, con una ventina di altre persone, avevo una chat degli amici del calcio. Uno di noi usciva con una ragazza e, un giorno, ci ha girato dei video che lei gli aveva mandato. Erano video hard. A seguire commenti da uomini. Di tutto e di più. Guardando i filmati mi sono accorto che era la maestra di mia figlia e ho avvisato mia moglie. Non potevo credere che una maestra facesse certe cose".

Secondo la ricostruzione dell'accusa la moglie di Franco ha chiamato la maestra e l'ha minacciata: "Guai a te se lo denunci o lo dici in giro. Altrimenti dico tutto alla dirigente dell’asilo". Franco smentisce che la donna abbia minacciato la maestra. In ogni caso "Non riuscirà nel suo intento – scrive il pm Ruggero Crupi nell’avviso di conclusione delle indagini – solo per la ferma volontà della vittima di denunciare quanto accaduto". Dalle indagini emerge come la vittima, difesa dal legale Domenico Frangapane, non si sia fatta intimidire ma  fosse convinta a denunciare. La donna (difesa dall'avvocata Flavia Pivano) affronterà il processo insieme al marito, alla dirigente della scuola che avrebbe costretto la giovane a licenziarsi, e a un’altra maestra.

Il video hard su Whatsapp 

"Nessuna minaccia - riporta Repubblica Torino - , io volevo solo proteggere lei e mia figlia. È stato quello il mio unico errore e lei mi aveva ringraziato eppure sono stata denunciata". La donna, avendo capito di chi si trattasse racconta di aver "inviato le foto a una mia amica, anche lei aveva il bimbo al nido per avvertirla e anche per dirle di avvisare la maestra, visto che era sua amica, perché andava salvaguardata". La direttrice, assistita dall’avvocato Valentina Zancan si difende: "E’ stata lei a confidarsi con me e a raccontarmi cosa le era successo. Era sconvolta. Ho cercato di tranquillizzarla, le ho detto di stare a casa per un po’, in attesa che si placasse la tempesta, ma non volevo licenziarla".

Secondo l'accusa invece l’avrebbe costretta alle dimissioni. La maestra ha già fatto causa in civile e ha chiuso un accordo extragiudiziale con la scuola. L’ex fidanzato ha chiesto un anno di messa alla prova. Per gli altri il primo dicembre si aprirà il processo. L'ex fidanzato della vittima invece ha chiesto di accedere alla messa alla prova, istituto giuridico che corrisponde a una sorta di risarcimento sociale a cui le persone per cui è prevista una pena sotto i 4 anni chiedono di accedere per evitare la condanna. Il giudice Modestino Villani ha deciso che dovrà fare lavori socialmente utili durerà un anno.

L’uomo, difeso dagli avvocati Pasqualino Ciricosta e Alessandro Dimauro, dovrà svolgere otto ore di servizio ogni settimana senza poter disporre di sospensioni nei mesi estivi o nei periodi festivi: "Il ragazzo ha capito di aver sbagliato, ha risarcito e sta seguendo il percorso sulla messa alla prova. Ho seri dubbi sull’esistenza del dolo specifico, un gesto fatto senza voler ferire ma si è reso conto di aver sbagliato". La maestra ha chiesto centinaia di migliaia di euro di risarcimento, altrimenti si costituirà parte civile nel processo penale che attende la direttrice e la moglie “spiona” del calciatore. La causa di lavoro è finita con una transazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maestra d'asilo licenziata per un video hard mandato su Whatsapp al fidanzato: tutta la storia

  • Green Pea apre a Torino, creati 200 posti di lavoro: cosa c'è dentro la nuova struttura avveniristica

  • Il primario della rianimazione di Rivoli è positivo al covid: aveva invitato i negazionisti "a farsi un tour in reparto"

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Rivoli, il videogioco usato per adescare i bambini e invogliarli a farsi foto e video nudi

  • Tragedia a Torino: uomo si toglie la vita gettandosi nel Po

Torna su
TorinoToday è in caricamento