Circola con auto fac-simile alla finanza, nei guai presidente associazione

A distanza le auto venivano spesso scambiate per volanti della guardia di finanza. Il presidente dell'associazione è stato denuciato

Viaggiavano con auto aventi una livrea simile a quelle in dotazione alla guardia di finanza, tanto che il connubio tra gli abitanti della zona era del tutto immediato. Il presidente di un'associazione con sede a Cercenasco, in provincia di Torino, è stato deferito all'autorità giudiziaria e contravvenzionato per alcuni illeciti amministrativi relativi al Codice della Strada.

Nel corso dell'attività di controllo operata dal personale della Divisione Amministrativa e Sociale della Questura di Torino è stato accertato l’utilizzo, da parte del presidente dell’associazione, di un’autovettura Alfa Romeo 155 con colori e equipaggiamento non autorizzati dalla Prefettura. Sul tetto dell’auto, erano, tra l’altro, montanti due lampeggianti di colore blu e il mezzo aveva una livrea simile alle auto in dotazione alla guardia di finanza.

Nel corso del controllo è stato anche accertato che venivano indebitamente utilizzati i simboli istituzionali del Ministero dell’Ambiente e della Tutela dell’Ambiente e della Presidenza del Consiglio dei Ministri. 

Potrebbe interessarti

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

  • Auto sui binari del tram

  • Vuoi diventare una persona mattiniera? 6 consigli per un risveglio al top

I più letti della settimana

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Moto si scontra con un motocarro: il centauro muore in breve tempo

  • Cade dal balcone di casa: muore appena arrivata in ospedale

  • Due torinesi muoiono in un incidente negli Stati Uniti: investiti da un tir dopo la caduta in moto

  • Trovato morto nella sua auto nei campi: si è sparato un colpo di fucile

Torna su
TorinoToday è in caricamento