Cronaca Rebaudengo / Corso Vercelli

Circoscrizione VII, ingressi bloccati dai lucchetti per protesta

L'ultimo Consiglio di circoscrizione aperto ha indotto l'amministrazione pentastellata a cambiare idea sul trasloco del Suk vicino al Ponte Mosca. "E' una guerra contro i poveri"

Nel mirino l'ultimo consiglio di Circoscrizione aperto

Porte chiuse da lucchetti in corso Vercelli alla sede della Circoscrizione VII. Nella notte qualcuno - si pensa gli occupanti dei centri sociali - ha provveduto a piazzare i lucchetti con tanto di cartelli di falsi annunci di interruzione dell'attività dove si fa riferimento alla polemica sul mercato di libero scambio.

Polemica che si è scatenata dopo il consiglio di Circoscrizione aperto che ha indotto l'amministrazione pentastellata a cambiare idea sul trasloco del Suk vicino al Ponte Mosca, su corso Giulio Cesare. Nei cartelli si parla di "fascisti vecchi e nuovi che vogliono fare la guerra ai poveri, cacciandoli dalle strade, dai mercati e dalle case".  Con le proteste dei residenti molto probabilmente l'amministrazione comunale rivedrà l'idea della sistemazione del mercato di libero scambio. L'azione di lucchettaggio all'ingresso della Circoscrizione è stata condannata dal vicepresidente del Consiglio comunale Enzo Lavolta:

"Limitare l'accesso al centro dove sono in essere le attività dei servizi sociali, la biblioteca e la sede della circoscrizione è fascista, un gesto vile e ingiustificabile. Un fatto gravissimo, un atteggiamento basato su minacce che dimostra l'impunità di chi si sente libero di far paura alle istituzioni". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Circoscrizione VII, ingressi bloccati dai lucchetti per protesta

TorinoToday è in caricamento