Uber, Ricca: "Fassino prenda provvedimenti nei confronti di attività commerciali che invitano a utilizzare il servizio"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

“Siamo venuti a conoscenza che diverse attività commerciali, tra cui Sephora, e alcuni locali notturni torinesi pubblicizzano il servizio abusivo Uber e offrono sconti sui trasporti ai clienti che decidono di affidarsi all’azienda privata. Questo tipo di scelta da parte dei gestori di locali e negozi altro non fa che fomentare una situazione che lo stesso assessore Tedesco in Consiglio ha definito illegale”: così Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega Nord in Sala Rossa, torna sulla questione legata all’azienda di trasporto automobilistico privato.

“Lunedì prossimo – conclude Ricca -, Fassino, anche in qualità di presidente dell’Anci, dovrà dare risposte esaustive al nostro question time. Non ci basterà sentire che ‘il Comune sta facendo qualcosa’. Ciò che chiediamo, anche a nome di tutti i tassisti che lavorano nel rispetto delle regole, è il piano di azione dettagliato con il quale l’amministrazione fermerà Uber, che potrebbe anche contenere una qualche forma di sanzione nei confronti di quegli esercizi commerciali che sostengono una vera e propria attività illecita”.

Torna su
TorinoToday è in caricamento