rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Controlli sul territorio, individuati 12 lavoratori in nero

In alcune attività commerciali

La Guardia di Finanza di Torino, nei giorni scorsi, ha effettuato diversi controlli in alcuni esercizi commerciali del capoluogo piemontese.
Sono 12, in totale i lavoratori di varie nazionalità (cinesi, albanesi, moldavi, pakistani ma anche italiani), che i Finanzieri del Gruppo Torino hanno trovato intenti a prestare le loro mansioni totalmente “in nero” esposti, in tal modo, a elevati rischi in termini di sicurezza e di garanzie assistenziali.

In un autolavaggio sono stati trovati 3 lavoratori, 2 di origini albanesi e uno di origine moldava, in possesso, esclusivamente, del passaporto con visto turistico ma sprovvisti di un’idonea documentazione necessaria per poter essere regolarizzati.

In un ristorante giapponese sono stati individuati 5 lavoratori in nero impiegati in varie mansioni: cameriere, cuoco e lavapiatti. Oltre alle gravi responsabilità dovute all’assunzione “in nero” del personale, sono state riscontrate anche anomalie contabili e amministrative, ora al vaglio dei militari. L’imprenditore, titolare del ristorante, è stato denunciato e si è visto irrogare sanzioni per circa 11.000 euro.
 
Altri 4 lavoratori in nero sono stati trovati durante altri controlli in due ristoranti e un autolavaggio. L’intervento dei Finanzieri del Gruppo Torino ha indotto, comunque, i titolari degli esercizi commerciali controllati alla regolarizzazione dei dipendenti “in nero” i quali hanno potuto beneficiare, pertanto, così come previsto dalla legge, di una regolare assunzione e di un’adeguata copertura assicurativa.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli sul territorio, individuati 12 lavoratori in nero

TorinoToday è in caricamento