Cronaca San Salvario / Via Claudio Luigi Berthollet

San Salvario cambia regole: per i locali chiusura anticipata, massimo alle due

Dal lunedì al mercoledì i locali chiuderanno all'una, dal giovedì alla domenica alle due. La decisione è stata presa per tutelare gli interessi dei residenti, dei gestori e dei frequentatori

Dopo tanto parlare, finalmente la Movida di San Salvario potrebbe cambiare davvero. Le proteste dei residenti e gli arresti avvenuti recentemente hanno convinto l'amministrazione comunale e le forze dell'ordine a voltare definitivamente pagina e ad imporre regole che possano far vivere meglio il quartiere e che tutto sommato non scontentino nessuno.

Da una parte ci sono da tutelare gli interessi, come detto, di chi a San Salvario ci abita. Da ormai troppi mesi sopportano il brusio serale che con l'arrivo dell'estate si è trasformato in chiasso, urla e schiamazzi costanti, e spesso in scene indescrivibili, che si ripetono tutte le sere. Dall'altra però ci sono gli interessi dei gestori dei tantissimi locali che vogliono portare avanti la propria attività commerciale senza rimetterci troppo. Infine, ultimi ma non ultimi, ci sono gli interessi dei frequentatori: e qui si parla di migliaia e migliaia di torinesi e non.

Il sindaco di Torino, Piero Fassino, si è incontrato con il Questore Antonino Cufalo e con il Prefetto Paola Basilone. Con loro sono state gettate le basi su come affrontare il tema in Giunta prima e in Sala Rossa poi. L'idea uscita fuori è quella di un San Salvario vivo fino all'una di notte dal lunedì al mercoledì, e fino alle due di notte dal giovedì alla domenica. All'orario indicato i locali dovranno chiudere "senza se e senza ma".

Prima che l'idea di Fassino possa essere messa in pratica dovrà essere portata in Giunta comunale sotto forma di ordinanza e, dopo l'approvazione dei suoi assessori, potrà farla votare anche dal Consiglio comunale. Vista la pausa estiva dei lavori che incombe, il rischio è quello che si arrivi facilmente a settembre inoltrato per far sì che tutto diventi regolamento comunale. Rischio che Fassino sembra assolutamente voler scongiurare.

Tra le altre novità annunciate dal primo cittadino, dopo l'incontro con il Questore e con il Prefetto, ci sono la pulizia delle strade del quartiere già a partire dalla chiusura dei locali e non più alle 5 del mattino come succede ad oggi ed il potenziamento del numero dei bidoni della spazzatura e quelli per la raccolta vetro.

Il voler dotare San Salvario di regole più restrittive non ha il fine di cambiare volto al quartiere, ma di tutelare plurimi interessi. Questi nuovi dictat potranno essere utili anche alle forze dell'ordine, che fino ad oggi hanno monitorato la zona quotidianamente: un lavoro che nel 2014 ha portato all'arresto di 94 persone e all'espulsione di 74 cittadini irregolari sul territorio nazionale. A stupire maggiormente è il numero di arresti che, nei primi soli sei mesi dell'anno in corso, è già superiore del triplo rispetto a quelli effettuati annualmente dal 2011 al 2013.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Salvario cambia regole: per i locali chiusura anticipata, massimo alle due

TorinoToday è in caricamento