menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si è alzato il livello del Po: "Fase di preallarme"

L'Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo) rileva un'onda di piena "con livelli di ordinaria criticità". La Protezione Civile della Regione ha attivato la fase di preallarme

Le precipitazioni di 48 ore hanno provocato un innalzamento del Po e dei corsi d'acqua del bacino, in particolare nell'area del Piemonte occidentale e meridionale e in quella dell'Emilia occidentale e centrale. Lo rileva l' Agenzia interregionale per il fiume Po (Aipo), precisando che per quanto riguarda l'asta principale del Po sta transitando un'onda di piena "con livelli di ordinaria criticità" nel tratto tra Carignano e Ponte Valenza.

Il tratto di valle del Po sarà interessato nei prossimi giorni da valori significativi di portata "che si attesteranno tra l'ordinaria e la moderata criticità; si prevede perciò l'interessamento delle aree golenali aperte". La situazione viene costantemente monitorata dagli uffici Aipo, in stretto coordinamento con i centri regionali di Protezione civile, Arpa, Prefetture, enti locali e tutti i soggetti preposti. In Piemonte si sono registrati superamenti delle soglie di moderata criticità in particolare sui torrenti Chisola e Banna, dove è stato attivato il servizio di piena Aipo. Il reticolo minore in corrispondenza dell'abitato di Casale Monferrato è stato fortemente sollecitato, causando l'esondazione in alcune aree industriali lungo il Rotaldo e il Grana.

Anche i corsi d'acqua dei bacini meridionali piemontesi hanno superato i livelli di moderata criticità e sono in graduale aumento. In particolare, dalle prime ore della mattina si sono registrati superamenti del 'livello 2' per alcune sezioni del Tanaro (Farigliano, Asti, Montecastello) e del 'livello 3' su tutta l' asta del Bormida. La situazione ha richiesto un "intervento di somma urgenza" da parte dell'Aipo ad Alessandria, dove il Rio Loreto confluisce con il Tanaro. In Emilia-Romagna si sono determinati fenomeni di piena sui bacini di Enza, Stirone, Rovacchia e Secchia, con la conseguente attivazione del Servizio di Piena da parte degli uffici territoriali Aipo.


La Protezione Civile della Regione ha attivato la fase di preallarme. La situazione più rilevante si registra sul fiume Secchia, dove è stato superato il 'livello 3' di criticità. Per quanto riguarda la Lombardia, gli affluenti di questa regione sono stati finora interessati marginalmente dal fenomeno. Aipo registra il superamento del livello di ordinaria criticità sul Lambro a Peregallo, mentre "non si segnalano particolari situazioni di criticità sul resto del reticolo, dove le portate sono però in aumento a causa del maggior deflusso dai laghi".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Collegno campi di colza in fiore: cosa sono e a cosa serve la colza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento