Lite tra ubriachi con calci, pugni e bottigliate: uno è grave in ospedale, l'altro finisce in carcere

Motivi da accertare

immagine di repertorio

Una lite tra ubriachi è finita male (e ha rischiato di finire peggio) nel pomeriggio di ieri, venerdì 21 agosto 2020, in piazza della Repubblica. Un 46enne romeno, colpito a calci, pugni e bottigliate da un suo connazionale, è stato trasportato in ambulanza all'ospedale Giovanni Bosco in condizioni gravi. L'altro, un 45enne, è stato arrestato con l'accusa di lesioni gravissime.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le forze dell'ordine sono state chiamate dai testimoni, alcuni dei quali hanno tentato di arginare la furia dell'aggressore, senza però riuscirci. Per la vittima la prognosi è riservata, anche se non ci sarebbe immediato pericolo di vita. Non è noto il motivo che ha scatenato la lite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il conduttore torinese a Verissimo: "Un medico mi disse che era solo un'influenza"

  • Investito dalla sua auto dopo avere dimenticato di inserire il freno a mano: è grave

  • “Potresti essere più gentile?”: dopo la richiesta lo picchiano alla fermata dell’autobus

  • Offerte di lavoro del gruppo Iren: le posizioni aperte a Torino

  • Uomo scomparso da mercoledì sera: ritrovato il corpo

  • Cammina sulle auto parcheggiate, poi si lancia su una e le sfonda il parabrezza: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento