menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vivere in auto a causa della crisi: la storia di Alberto

Sì è licenziato dalla De Tomaso per ottenre almeno la mobilità, ma i soldi non bastano ed Alberto viene sfrattato di casa. Ora vive nella sua auto

Dormire in auto perchè, a causa della crisi, si viene sfrattati di casa. Troppi debiti, una mobilità che a malapena riesce a coprire le spese, figuriamoci l'affitto. Alberto B., 67 anni, racconta la sua storia a Stampa.it, una storia che, purtroppo, accomuna sempre più persone.

Alberto era un lavoratore della De Tomaso di Grugliasco che, come tante altre aziende, è stata schiacciata dalla crisi ed ha dovuto chiedere la cassa integrazione. Ma Alberto, la cassa integrazione, non l'ha voluta accettare e si è licenziato: "Così facendo - racconta Alberto a Stampa.it - Ho pensato che la mobilità l'avrei presa di sicuro". I debiti, però, sono troppi e, dopo la morte della madre con cui Alberto viveva, pagare spese ed affitto da solo è stato impossibile. Ha venduto tutti i mobili ed ora fa da spola tra auto e casa di amici. E pensare che l'azienda De Tomaso gli deve ancora 40mila euro di Tfr, con i quali, sicuramente, Alberto riuscirebbe a risistemare le cose.

Una situazione drammatica quella di Alberto che, come lui, sta colpendo sempre più persone. I dati parlano chiaro: gli sfratti per morosità sono in forte aumento. Si chiede aiuto alle istituzioni, come fa Giuseppe Anfuso della Uilm che, a conoscenza della problematica, si batte per garantire a tutti i cittadini che versano in simili condizioni, una vita quantomeno dignitosa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento