menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavori rallentati al reparto Tbc del San Luigi, finiranno nel giugno 2016

Lo scorso febbraio l'assessore alla Sanità Saitta aveva dichiarato che i lavori sarebbero stati ultimati nell'arco di 3/6 mesi. A oggi i pazienti si devono rivolgere all'Amedeo di Savoia, ad Asti o Cuneo

I lavori di ristrutturazione del reparto TBC dell'ospedale San Luigi di Orbassano potrebbero terminare a giugno del prossimo anno, parola dell'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta. Un allungamento, quello tempi, che sarebbe dovuto principalmente all'aumento dei costi previsti che sono schizzati fino a 250mila euro.

E pensare che lo scorso febbraio - dopo la chiusura del reparto a gennaio - lo stesso Saitta aveva dichiarato che tali lavori sarebbero dovuti terminare nel giro 3/6 mesi. A renderli necessari erano state alcune carenze relative alla sicurezza del reparto medesimo, in particolare per ciò che attiene all'impianto di climatizzazione e trattamento dell'aria. Nessuna chiusura definitiva, come temuto dai pazienti, ma solo uno stop temporaneo "coerente con l'esigenza di avere una struttura adeguata alle esigenze dei malati". 

In sostanza, però, i mesi sono passati e nonostante i proclami della Giunta regionale il reparto TBC al San Luigi è ancora ben lontano dal ripristino. "In questo modo a pagarne le conseguenze - afferma Stefania Batzella, consigliere grillino a Palazzo Lascaris - sono i soggetti più deboli, affetti da TBC. A oggi, infatti, devono rivolgersi all'Amedeo di Savoia di Torino, peraltro destinato alla chiusura, oppure agli ospedali di Asti e di Cuneo".

In particolare i lavori dovrebbero prevedere l'eliminazione delle griglie di transito sulle porte d'ingresso delle camere di degenza, il ripristino delle chiusure ermetiche con la sostituzione dei serramenti in legno; la sostituzione completa dei ventilatori di estrazione e dei convertitori di frequenza; la taratura dei sistemi di immissione ed espulsione dell’aria; infine la posa di sistemi di rilevazione e visualizzazione del valori di depressione per ognuna delle camere di degenza. 

Con l'allungamento dei tempi fino al prossimo giugno 2016 la situazione rischia di sfiorare il paradossale ed è aggravata anche dal fatto che nell'atto aziendale presentato di recente non ci sarebbe traccia della funzione tisiologica nell'ambito del San Luigi di Orbassano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento