Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Corso Giulio Cesare

Pista ciclopedonale e aree pic-nic. Parte la riqualificazione del Park Stura

Dopo cinque anni di vuoto partiranno i lavori del lotto due che porteranno, tra un anno, alla realizzazione di una nuova pista ciclabile. Accontentati così i residenti che chiedevano provvedimenti

Una pista ciclopedonale lunga due chilometri per riqualificare una volta per tutte l’ex Tossick Park. E’ da questa base che partirà la rinascita del lotto numero due del parco Stura di corso Giulio Cesare. Parliamo di un corridoio di collegamento ciclabile e pedonale che partirà da corso Giulio Cesare, percorrerà le sponde del torrente dello Stura e confluirà fino in strada Settimo. Lungo la ciclopista spiccheranno una banchina di filari alberati, a scelta tra pioppi, tigli, aceri o altre specie ad alto fusto. Il progetto svilupperà una sorta di continuità tra le aree verdi già esistenti, collegandosi in particolare con il parco Stura nord di via Ivrea, il parco della Confluenza e il parco del Meisino.

A ricevere benefici sarà tutto il tratto lungo il fiume che verrà completamente risanato e recuperato. Una vittoria per i residenti del quartiere Rebaudengo che da tempo chiedevano un progetto in grado di cambiare il volto di quel lato di periferia. La chiusura dell’ex Tossick Park, infatti, aveva solo risolto parte del problema. Quel parco così grande, imponente ma al tempo stesso costretto a restare chiuso al pubblico per paura del ritorno di tossici e spacciatori aveva continuato ad alimentare polemiche nel corso del tempo.

Al progetto, che partirà la prossima estate al costo di 850mila euro, si aggiungeranno anche attrezzature per i pic-nic oltre ad una bonifica dell’appezzamento di terreno del lotto numero due. I lavori dureranno dodici mesi. "Siamo soddisfatti – spiegano la presidente Nadia Conticelli e il consigliere dell’Idv Adriano Barbieri -. Ora speriamo solo che i tempi vengano rispettati".



La circoscrizione Sei ha anche chiesto l’illuminazione del lotto numero uno attraverso la realizzazione di una cabina di alimentazione dell’energia elettrica. Compito che toccherà ad Iride. "Vogliamo aprire il parco in estate utilizzando una piastra polivalente per spettacoli – ha concluso Conticelli -. Per questo speriamo che la cabina di alimentazione venga resa operativa entro l’inizio della primavera".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pista ciclopedonale e aree pic-nic. Parte la riqualificazione del Park Stura

TorinoToday è in caricamento