Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Nizza Millefonti / Via Nizza, 349

Al via i lavori per la stazione Italia '61. Disagi per i commercianti

Entrano nel vivo i lavori per la stazione Italia '61-Regione Piemonte. Ieri le ruspe sono arrivate in via Nizza, chiusa al traffico nel tratto tra corso Caduti sul Lavoro e via Sommariva

Sono partiti ieri i lavori di scavo per la realizzazione della stazione del metrò di Italia ’61. Le ruspe, giunte in prima mattina, hanno iniziato a scavare nei pressi di piazza Filzi e di via Sommariva, per la realizzazione, rispettivamente, del pozzetto di areazione e della fermata vera e propria, che collegherà con la nuova sede unica della Regione Piemonte.

I primi lavori erano iniziati giovedì scorso, quando era stato modificato l’assetto della viabilità. Il traffico è stato deviato su corso Caduti sul Lavoro, per poi immettersi in via Genova, resa fino a via Sommariva a doppio senso di marcia. Via Nizza sarà di nuovo accessibile dopo via Sommariva, ovvero dopo il cantiere della stazione. Le linee bus 1, 18 e 35 subiranno le stesse deviazioni, immettendosi in via Genova assieme alle linee 24, 93 barrato, 18 blu e 101 Metrobus, con due nuove fermate istituite in corso Caduti sul Lavoro e via Giaglione.

Vengono meno le speranze dei commercianti, che dunque dovranno convivere con i cantieri anche sotto Natale. I negozianti, che avevano fatto partire in tutta fretta una petizione per chiedere il rinvio dei lavori a dopo le festività, hanno quindi dovuto rassegnarsi. “Verremo in ogni caso in loro aiuto – dichiara il vice presidente della Circoscrizione Nove e coordinatore alla viabilità, Massimiliano Miano – la giunta sta valutando gli sgravi fiscali fino a giugno 2015 per le attività di via Nizza e zone limitrofe, tutte quelle più interessate dai lavori del cantiere. È inoltre in progetto un’attività di marketing, tutto per aiutare il commercio in un’area fortemente disagiata per la presenza di tanti cantieri”.

E infatti i lavori della stazione di Italia ’61 si vanno a sommare a quelli del capolinea del metrò in piazza Bengasi (dove, attualmente, si sta eseguendo la bonifica bellica, e sono in arrivo i macchinari per la realizzazione delle paratie) e quelli del grattacielo della Regione, nell’area ex Avio. “Al fine dei lavori – commenta Miano – il quartiere sarà completamente trasformato, e i cittadini potranno investire in una zona all’avanguardia, rapidamente accessibile dal centro grazie alla linea 1 del metrò”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via i lavori per la stazione Italia '61. Disagi per i commercianti

TorinoToday è in caricamento